IL MONUMENTO A GIOVANNI PIERLUIGI

Palestrina 2018, pp. 83-97, formato cm. 17 x 24

Il contributo di Angelo Pinci è inserito nel volume di Alberto Cametti, Giovanni Pierluigi da Palestrina. Una conferenza nella città del Pierluigi (1924),  n° 8 della collana "I quaderni della biblioteca Pierluigi" edita dalla Fondazione Giovanni Pierluigi da Palestrina.

L'autore ripercorre brevemente la travagliata storia del monumento al compositore, realizzato dallo scultore Arnaldo Zocchi e inaugurato nel 1921, ma di cui si cominciò a parlare fin dal 1892. In quell'anno, il Capitolo della Cattedrale, in preparazione delle feste per il terzo centenario della morte del musicista che sarebbe caduto il 2 febbraio 1894, lanciò l'idea di erigergli un monumento nella piazza principale della sua città natale. Passarono, però, quasi trent'anni prima che l'idea si tramutasse in realtà.

Il monumento fu inaugurato il 2 ottobre 1921, alla presenza del cardinale Vincenzo Vannutelli, in rappresentanza del papa Benedetto XIV, e di Giovanni Rosadi, sottosegretario alla Pubblica istruzione, rappresentante del Re e del Governo.

2018-Cametti-Pinci.png
Share this